Title 1

La Tuscia: Borghi ed Etruschi

Regioni: Umbria Lazio

Tipologia: Viaggio con accompagnatore in lingua italiana

Durata: 6 Giorni / 5 Notti

Gruppo: È previsto un numero minimo di partecipanti

Partenze: Dicembre 13, Febbraio 7, Aprile 4, Giugno 20

Trattamento: Come da programma

Trasporti: Bus

N.B.: L’itinerario potrebbe subire variazioni

1° Giorno: MILANO – ORVIETO – BOLSENA 

Ritrovo dei Signori partecipanti e partenza in autopullman via autostrada del Sole. Breve sosta lungo il percorso ed arrivo ad Orvieto. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, visita alla città che sorge su una rupe di tufo dalle pareti a picco, un concentrato di bellezze artistiche e paesaggistiche. Visitare Orvieto è come attraversare la storia, perché vi si ritrovano le tracce di ogni epoca per quasi tre millenni. Il suo celeberrimo Duomo, la Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta, capolavoro dell'architettura gotica, è tra i più belli d'Italia. Nel tardo pomeriggio si raggiungerà il Lago di Bolsena. Sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

2° Giorno: BOLSENA- MONTEFIASCONE - CIVITA DI BAGNOREGIO - BOLSENA

Pensione completa. Intera giornata in escursione: Montefiascone, di origine medievale, si erge in cima al colle più alto dei monti Volsini, da qui si ammira il più bel panorama complessivo del Lago. Visita della Rocca dei Papi, l’antica fortezza eretta da Innocenzo III alla fine del XII secolo. La Rocca Papale sorge sulla sommità del colle, in una posizione da sempre considerata strategica per la possibilità di dominare una vasta area circostante. Le varie culture, che si sono alternate nel corso dei secoli sulla vetta del colle, hanno infatti lasciato tracce sufficienti a confermare una frequentazione che, documentata già in epoca eneolitica, si spinge sino ai nostri giorni. Si prosegue con la visita della Cattedrale di Santa Margherita, una delle chiese più importanti della zona. La sua magnifica cupola  domina il panorama dell’alto Viterbese (terza in Italia per dimensione dopo quella di S. Pietro a Roma e di Santa Maria del Fiore a Firenze), è stata realizzata da Carlo Fontana nel seicento a seguito di un incendio che ne aveva distrutto il tetto. Pranzo in ristorante. Proseguimento per Civita di Bagnoregio. Visitare Bagnoregio è sicuramente una delle esperienze più entusiasmanti che è possibile fare nel territorio della Tuscia. La bellezza della sua Civita, nota come “la città che muore” (definita così in quanto rischia di scomparire per sempre a causa dell'erosione), rende questo piccolo comune del Viterbese una meta ambita dal turismo nazionale e internazionale. La Civita è raggiungibile solo a piedi attraversando un ponte. Rientro in hotel in serata, cena e pernottamento.

3° Giorno: BOLSENA - SOVANA – SORANO – PITIGLIANO - BOLSENA

Pensione completa. Intera giornata in escursione: Sovana: oggi il borgo conta meno di 300 abitanti ma nel periodo del suo massimo splendore rappresentò uno dei centri più importati della civiltà etrusca. A testimonianza del suo antico splendore rimangono gli imponenti ruderi della Rocca Aldobrandesca che ci ricorda in struggenti atmosfere, oltre il suo passato etrusco, anche quello romano e medievale. Le testimonianze più note sono le necropoli etrusche che si sviluppano sui versanti collinari tutto intorno al paese moderno. Sorano: antica città etrusca fondata su una rocca e cinta da imponenti mura difensive. Per la sua conformazione è anche conosciuta come la Matera della Toscana. Il cuore storico del suggestivo borgo medievale è rappresentato e dominato dalla quattrocentesca Fortezza Orsini. Pranzo a Sorano. Proseguimento per  Pitigliano, uno dei Borghi più Belli d’Italia. Arroccato su una rupe di tufo, il paese si erge imponente sulle valli dei torrenti Lente, Meleta e Prochio, offrendo una meravigliosa vista sulla natura selvaggia ed incontaminata di quest’area della Maremma Toscana. Per secoli contea degli Orsini, mantiene il suo tessuto medievale con inserti e dettagli di formazione rinascimentale. Soprannominato anche La Piccola Gerusalemme, perché a partire dal XVI secolo ospitò una grande comunità ebraica tra le sue mura. Visita all’interessante Ghetto Ebraico. Rientro in hotel in serata, cena e pernottamento.

4° Giorno: BOLSENA- VITERBO - SACRO BOSCO DI BOMARZO - BOLSENA

Pensione completa. Intera giornata in escursione: Viterbo definita da secoli la città dei Papi, in memoria del periodo in cui la sede papale fu spostata in questa città che ancora porta i segni di quel fasto, pur avendo origini ancora più antiche.  Capoluogo dell’antica Tuscia e di grandi tradizioni storiche, conserva un assetto monumentale tra i più importanti del Lazio: aristocratici palazzi, monumenti ricchi di opere d'arte di spiccato interesse, suggestivi quartieri medievali, chiese e chiostri di varie epoche, torri slanciate ed eleganti fontane in peperino (tipica pietra delle costruzioni viterbesi). Pranzo in ristornate. Proseguimento per Bomarzo, borgo del Lazio che possiede un'opera unica al mondo che visiteremo: la Villa delle Meraviglie, chiamata anche Sacro Bosco, spesso definito Parco dei Mostri…qui «ogni pensiero vola». Rientro in hotel, cena e pernottamento.

5° Giorno: BOLSENA - TUSCANIA - GARAVICCHIO - MONTALTO DI CASTRO  (o Tarquinia)

Pensione completa. Partenza per Tuscania: uno tra i borghi medievali più suggestivi della Tuscia, sorge su sette promontori di roccia tufacea a 180 metri sul livello del mare. Passeggiare per le vie del centro storico di Tuscania consente di respirare un’atmosfera antica e rilassata e di ammirare suggestivi scorci e angoli medievali di rara bellezza. Il colore predominante è il marroncino del tufo che si mescola ai colori dei fiori e dei portoncini delle abitazioni. Le numerose necropoli disseminate nel circondario ci ricordano la sua importanza nell’ Etruria. Da non perdere le sue due famose chiese romaniche: la chiesa di San Pietro (anche set di numerosi film quali l’Armata Brancaleone e Romeo e Giulietta di Zeffirelli), e la Chiesa di Santa Maria Maggiore. Nel pomeriggio si raggiunge Garavicchio per la visita al parco artistico Giardino dei Tarocchi ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle che durante un viaggio in spagna scopre l’opera di Antoni Gaudì e ne viene fortemente influenzato. In particolare il Parc Guell a Barcellona ha grossa importanza nella sua decisione di costruire un giardino di sculture popolato di statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi. Arrivo nel tardo pomeriggio a Montalto di Castro (o Tarquinia) per la sistemazione in hotel nelle camere riservate.

6° Giorno: MONTALTO DI CASTRO - TARQUINIA - MILANO

Prima colazione in hotel. Partenza per Tarquinia, cittadina medievale d’immenso fascino che ospita la più grande testimonianza d'arte etrusca al mondo, deve il suo nome al mitico Tarconte (eroe della mitologia etrusca), a cui ne è attribuita la fondazione.  Il suo centro storico risale al medioevo ed è tutto un susseguirsi di chiese, di torri e di palazzi d’antico fascino. Spiccano il Duomo di Santa Margherita, la chiesa di Santa Maria in Castello, il Torrione di Matilde di Canossa e Palazzo Vitelleschi che ospita il Museo Nazionale Etrusco, la più vasta raccolta d’arte etrusca esistente. Per continuare ad ammirare le testimonianze etrusche altro punto di spicco è la Necropoli dei Monterozzi – Patrimonio dell’UNESCO -   che , con le sue oltre duecento tombe dipinte, è il più importante nucleo pittorico esistente dell’arte di quel periodo, oltre che il più significativo della pittura antica, precedente l’età romana. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, partenza per il rientro. Sono previste brevi soste in autogrill lungo il percorso. Arrivo in serata direttamente al punto di partenza.

Partenze Prezzo Doppia Sup Singola Riduzione Terzo Riduzione Child
4 Stelle
Data Fissa
Dal: 04-10-2020 Al: 20-06-2021
 
890
 
130
 
0
 
0


La quota include:

  • Prezzo per persona in camera doppia
  • Viaggio in pullman Gran Turismo come da programma 
  • 5  pernottamenti in  hotel a 4 stelle  in  mezza pensione bevande incluse
  • Assistenza di nostro accompagnatore durante il viaggio
  • 6 pranzi bevande incluse 
  • Guida qualificata di lingua italiana durante le visite 
  • Ingressi ove previsto
  • Mance 
  • Assicurazione annullamento, medico e bagaglio

La quota non include:

  • Spese personali
  • Tassa di soggiorno
  • Pranzi e pasti non menzionati
  • Tutto quello che non è menzionato ne "la quota include"

N.B.: le quote sono soggette a riconferma

 

CARTA D'IDENTITÀ

Capoluogo: Perugia

Province: Terni

Popolazione: 878.540 (al 30.11.2019)

Superficie: 8.456 kmq

 

TERRITORIO

L'Umbria confina a est e nord est con le Marche, a ovest con la Toscana e a sud con il Lazio.

Colline (71%) e montagne (29%) coprono la totalità del territorio privo di zone pianeggianti significative. 

È una regione senza sbocchi al mare caratterizzato da un paesaggio molto vario dove si fondono e susseguono aree collinari e valli fluviali (Valle Umbra e Valle Tiberina) che formano un complesso sistema orografico e idrografico. Il gruppo del Monte Vettore nel massiccio dei Sibillina rappresenta la dorsale montuosa più significativa. Tra i fiumi spicca il Tevere mentre tra i laghi il Trasimeno, il quarto in Italia per estensione. 

 

CLIMA

Il clima dell'Umbria è variegato risentendo della complessità orografica del territorio. Nelle zone collinari è di tipo mediterraneo temperato con estati calde e secche. Nelle montagne il clima diventa subcontinentale con inverni freddi caratterizzata di precipitazioni anche notevoli e, non infrequentemente, nevose.

 

GASTRONOMIA

Prevale una cucina basata sui prodotti di terra con una grande varietà di piatti e prodotti tipici. Molto sviluppata la produzione di olio e numerosi i piatti di cacciagione. Eccellenti i salumi norcini e il tartufo sempre di Norcia.

Eccellente la produzione vinicola sia di bianchi (Orvieto) che di rossi (Montefalco).

 

PUNTI DI INTERESSE NATURALI

Il paesaggio naturale della regione è una vera e propria opera d'arte grazie alla combinazione di vallate e montagne immerse nel verde tra le quali scorrono numerosi corsi d'acqua. I parchi regionali sono 6 (Parco del monte Cucco, Parco del monte Subasio, Parco del Lago Trasimeno, Parco di Colfiorito, Parco fluviale del Tevere e Parco fluviale del Nera) a cui si aggiunge, condiviso con le Marche, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Di grande interesse naturalistico e paesaggistico anche il Lago Trasimeno caratterizzato da una profondità non superiore ai sette metri).

 

PUNTI DI INTERESSE ARTISTICI E CULTURALI

L'Umbria è il paese dei piccoli borghi presepe e delle cittadine medievali - come Gubbio, Todi, Bevagna, Bastia Umbra, Norcia, Orvieto o Città della Pieve - incastonate come gemme nel paesaggio collinare. 

Il corpo centrale di Perugia circondato da una doppia cinta muraria che racchiude la città medievale e rinascimentale in un tripudio di architetture religiose e civili monumentali

Assisi, che diede i natali a San Francesco e Santa Chiara, ospita nella Basilica di San Francesco splendidi cicli pittorici di Giotto, Cimabue, Pietro Lorenzetti e Simone Martini. Altri luoghi di assoluto  interesse sono certamente la Basilica di Santa Chiara e l'Eremo delle Carceri.

Umbria mistica e spirituale: Per tutto il Medioevo l'Umbria fu percorsa da profondi fervori mistici e ha rappresentato uno dei maggiori centri della religiosità medievale. A Norcia nel 480 nacque San Benedetto fondatore del monachesimo occidentale. Nella cripta della San di San Fortunato a Todi riposano le spoglie di Jacopone da Todi, note poeta e mistico. A Santa Chiara si accompagna la figura di Santa Rita da Cascia il cui culto è diffuso in tutta Italia. 

Importanti e molto sentite le manifestazioni folcloristiche come la Festa dei Ceri di Gubbio o le Processioni Pasquali che si tengono in quasi tutte le cittadine.

 

LUOGHI PREMIATI E SITI UNESCO

A 9 località, tutte in provincia di Perugia, è stata assegnata la prestigiosa Bandiera Arancione promossa dal Touring Club Italiano:

- Bevagna

- Città della Pieve

- Montefalco

- Montone

- Norcia

- Panicale

- Spello

- Trevi

- Vallo di Nera

 

I patrimoni Unesco sono 2 siti diffusi:

- Assisi, Basilica di San Francesco e altri luoghi francescani (comprende la Città di Assisi, San Damiano, Eremo delle Carceri, Santuario di Rivotorto e paesaggio storico)

-  Chiesa di San Salvatore (Spoleto) e Tempietto del Clitunno (Campello sul Clitunno), che fanno parte dei Luoghi del potere dei Longobardi in Italia.

 

SPORT E BENESSERE

Perugia e Ternana sono le uniche squadre di calcio ad aver raggiunto la Serie A. Calcio e professionismo a parte in Umbria si registra un'ampia pratica delle attività sportive. Il territorio collinare e montuoso immerso nel verde offre eccellenti possibilità a escursionismo, equitazione e ciclismo. Il centro termale più noto è quello di Sangemini.

 

 

CARTA D'IDENTITÀ

Capoluogo: Roma (Città Metropolitana)

Province: Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo

Popolazione: 5.683.785 (al 30.11.2019)

Superficie: 17.232,29 kmq

 

TERRITORIO

Il Lazio confina a Nord con l'Umbria, a Nord ovest con la Toscana e a Nord Est con le Marche, a ovest con il Mar Tirreno, a est con Abruzzo e Molise, a sud est con la Campania. Al suo interno di trova l'enclave della Città del Vaticano.

Il territorio è prevalentemente collinare (54%) e montuoso (26) con una zona pianeggiante verso la costa (20%).

Nella parte orientale della regione corrono i Monti della Laga parte del'Appennino Abruzzese in cui prossimità si sviluppa una serie di gruppi montuosi come Monti Reatini, Monti Sabini, Monti della Duchessa, Monti Simbruini e Monti Ernici. Numerosi i gruppi montuosi di modeste dimensioni (Colli Albani, Monti Volsci e altre ancora).

La costa del Lazio è generalmente bassa e sabbiosa talvolta interrotta da promontori (Capo Linaro, Anzio e Nettuno, Monte Circeo e Gaeta) oltre che dalla foce del Tevere. Di fronte al Circeo si trova l'arcipelago delle Isole Ponziane (Ponza, Gavi, Zannone, Ventotene e Santo Stefano).

Il Tevere è il corso d'acqua principale della regione seguito da una serie di fiumi minori come il Liri-Garigliano. Numerosi i laghi di origine vulcanica tra cui i principali sono il Lago di Bolsena e quello di Bracciano.

 

CLIMA

La presenza di due zone climatiche deriva direttamente dalla orografia della regione. La costa ha un clima mite e soleggiato di tipo mediterraneo. All'interno il clima diventa più rigido con cospicue precipitazioni che in inverno assumono anche carattere nevoso.

 

GASTRONOMIA

La cucina del Lazio è molto variegata; conosciute in tutta Italia la pasta all'amatriciana e la porchetta. Molto note alcune specialità della cucina romana come i carciofi alla giudia, i carciofi alla romana e gli spaghetti alla carbonara. La produzione vinicola ha un orientamento regionale con i DOC Castelli Romani tra i vini più noti.

 

PUNTI DI INTERESSE NATURALI

 

Montagne

L'Appennino Abruzzese, remoto e selvaggio, con cime che nel territorio nazionale raggiungono anche i 2450 metri è tutelato da due parchi nazionali: Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

 

Costa e Isole

La costa del Lazio, generalmente piatta e sabbiosa ha nel Monte Circeo il suo punto più suggestivo tutelato nel Parco Nazionale del Circeo con una grande varietà di habitat con macchia mediterranea, dune e zone umide. Al largo del Circeo sorge l'arcipelago delle Isole Ponziane.

 

PUNTI DI INTERESSE ARTISTICI E CULTURALI

Roma è senza alcun dubbio la città con il maggior patrimonio storico, archeologico e architettonico al mondo per il suo ruolo di capitale e centro principale per 1200 anni dell'Antica Roma, di principale centro della Cristianità e capitale dello Stato della Chiesa e infine capitale dello stato unitario italiano. Un elenco tutt'altro che esaustivo dei suoi monumenti comprende Foro Romano, Fori Imperiali, Colosseo, Terme di Caracalla, Mura Aureliane, Mauseoleo di Adriano, Pantheon, Circo Massimo, Catacombe, San Pietro in Vaticano, San Giovanni in Laterano,Santa Maria Maggiore e il Vittoriano.

In provincia di Roma la cittadina di Tivoli ospita ben due siti Unesco: Villa Adriana e Villa d'Este. Di grande interesse anche e le cittadine dei Castelli Romani (Ariccia,  Castelgandolfo - residenza papale estiva –, Frascati, Grottaferrata) e  ricche di palazzi e castelli nobiliari.

Viterbo, la Città dei Papi, conserva un caratteristico centro storico circondato dalle mure medievali e numerose sono le cittadine delle sua provincia di notevole interesse come le etrusche Tarquinia e Tuscania.

In provincia di Frosinone l'Abbazia di Montecassino è uno dei più antichi monasteri in Italia, fondato nel 529 da San Benedetto da Norcia. Ricco di tesori artistici e culturali che testimoniano il suo ruolo secolare di bastione della Cristianità e della cultura europea.

 

LUOGHI PREMIATI E SITI UNESCO

Le spiagge laziali premiate nel 2020 con una Bandiera Blu sono 9: Anzio, Trevignano Romano (Lago di Bracciano), Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta e Ventotene.

 

A ben diciannove località è stata assegnata la prestigiosa Bandiera Arancione promossa dal Touring Club Italiano:

- Nemi (RM)

- Trevignano Romano (RM)

- Arpino (FR)

- San Donato Val di Comino (FR)

- Collepardo (FR)

- Bassiano (LT)

- Campodimele (LT)

- Fossanova (LT)

- Sermoneta (LT)

- Bolsena (VT)

- Bomarzo (VT)

- Calcata (VT)

- Caprarola (VT)

- Casperia (RI)

- Labro (RI)

- Leonessa (RI)

- Sutri (VT)

- Tuscania (VT)

- Vitorchiano (VT)

 

I siti dichiarati dall'Unesco Patrimoni dell'Umanità sono 4:

- Centro Storico di Roma e le proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e la Basilica di San Paolo fuori le mura

- Villa Adriana a Tivoli

- Villa d'Este a Tivoli

- Necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia

 

Ai siti si aggiungono 1 patrimonio immateriale (Macchina di Santa Rosa a Viterbo) e 1 Patrimonio Naturale (Faggeta Secolare dei Monti Cimini).

 

SPORT E BENESSERE

La società calcistiche Roma e Lazio sono ai vertici del calcio professionistico. Nella regione si tengono inoltre due importanti meeting internazionali di atletica leggera: il Golden Gala di Roma e il Rieti Meeting. I fondali delle Isole Ponziane grazie alla presenza di scogliere, grotte sottomarine e una fauna marina abbondante sono uno degli spot principali in Italia per le attività subacquee.

Tra i principali stabilimenti termali spiccano le quelli di Fiuggi, uno dei principali a livello nazionale.

 

Contatti